snowboarding history

Una breve storia dello snowboard (cronologia, storie e fatti)

Lo snowboard è uno degli sport invernali più popolari al mondo, con milioni di rider che sfruttano la neve fresca il più spesso possibile. Lo sport ha anche una storia unica e intrigante che vale la pena esplorare per darti una migliore comprensione di come sia diventato così diffuso.

Mi chiamo Lorainne e sono un’istruttrice di snowboard certificata CASI che guida da gran parte della mia vita. Amo tutto di questo sport, compreso il suo background e la storia che ha portato lo snowboard nell’era moderna.

Volevo fornirti uno sguardo approfondito sulla storia dello snowboard per informare ed educare i rider di tutti i tipi. Che tu sia un professionista esperto o che tu abbia appena iniziato con lo sport, è bene avere un’idea di dove tutto è iniziato.

Ho fatto un sacco di ricerche per combinare alcuni dei fatti e delle informazioni più interessanti relativi alla storia dello snowboard. Guardando al passato, puoi capire meglio cosa potrebbe riservare il futuro.

Entriamo nella macchina del tempo e diamoci da fare.

Chi ha inventato lo snowboard?

Ogni grande invenzione inizia da qualche parte e gli innovatori del passato aprono la strada al futuro. Lo snowboard non esiste da così tanto tempo rispetto ad altri sport, e lo sci è di gran lunga il vecchio del blocco.

Un uomo di nome Sherman Poppen è solitamente accreditato per aver inventato lo snowboard. Questa invenzione è nata per caso quando Poppen stava cercando di creare un modo divertente per le sue figlie di godersi la neve.

Immagine per gentile concessione di SI

Attaccò due sci insieme con una corda, trasformandoli in un’unica tavola. Ciò ha permesso alle figlie di Poppen di alzarsi in piedi sull’unica tavola, aggrapparsi alla corda e controllarla (in qualche modo) mentre scivolava sulla neve.

Questo primo “snowboard” è stato un successo tra i bambini e la moglie di Poppen ha visto un potenziale commerciale nella nuova invenzione. Questo aggeggio da cortile avrebbe presto guadagnato popolarità al di fuori della famiglia Poppen, e lo sport ora aveva una base su cui costruire.

Mentre Sherman Poppen ha il merito di aver inventato lo snowboard, ci sono altre storie aneddotiche di persone che cavalcano un’unica tavola di legno sulla neve che risalgono a prima della sua epoca. Non c’è nessun altro là fuori che ha sviluppato questa invenzione oltre un livello di base.

Le persone praticano anche lo slittino e lo sci da migliaia di anni, e penso sinceramente che ci fossero snowboarder in giro molto prima che fosse ufficialmente inventato. Qualcuno doveva alzarsi su una slitta e rendersi conto che era molto divertente, giusto?

Quando è iniziato lo snowboard?

Lo snowboard moderno è iniziato subito dopo la creazione dell’invenzione di Poppen. Sua moglie ha chiamato l’aggeggio “Snurfer” perché combinava il surf e la neve. Questo nome rimase e Poppen si rese conto che aveva anche un potenziale successo commerciale.

Questo Snurfer ha la sua corda intrecciata in nylon originale e ha la sua vernice originale sopra la finitura in legno naturale. Immagine per gentile concessione di Inverno d’epoca.

Questo è successo all’inizio e alla metà degli anni ’60, ed è generalmente la data in cui la maggior parte delle persone concorda sull’inizio del movimento dello snowboard moderno. Poppen ha trasformato l’idea in un business e ha venduto centinaia di migliaia di Snurfer nel primo anno in cui sono stati messi in vendita.

La popolarità e il potenziale dello snowboard erano evidenti fin dall’inizio e la produzione di massa e la commercializzazione dello Snurfer lo hanno reso più ampiamente disponibile per il grande pubblico. Le cose sono passate rapidamente da un giocattolo da cortile a uno sport abbastanza rapidamente.

Mentre penso che dire che gli anni ’60 siano una buona data per segnare l’inizio dello snowboard moderno, non penso che rifletta la vera storia di questo sport. Gli esseri umani hanno viaggiato sulla neve per migliaia di anni e uno snowboard ha solo senso comune.

Lo sci e lo slittino esistono da centinaia, se non migliaia di anni. Non è difficile immaginare che qualcuno abbia deciso di salire su uno slittino o utilizzare un solo sci per necessità o danni in questo lasso di tempo.

C’è no prova o documentazione ufficiale dello snowboard esistente prima degli anni ’60 e dello Sherman Poppen Snurfer. Tuttavia, non credo sia inverosimile credere che lo snowboard sia iniziato molto, molto prima.

Se guardi le cose da una prospettiva archeologica, lo sci risale a migliaia di anni fa. Ci sono prove di primi cieli che risalgono al 6000 aC. Quando la linea temporale si allunga così lontano, diventa quasi impossibile pensare che una tavola non esistesse fino al 1960.

Mi piace tener conto di questo sguardo storico sulle cose quando si considera quando è iniziato lo snowboard. E penso che sia sicuro dire che le origini di questo sport risalgono alle prime testimonianze di persone che attraversavano paesaggi innevati per sopravvivere e trasportare.

Quando sono stati inventati gli snowboard?

Gli inizi dello snowboard possono essere pensati in due modi diversi: dalla storia degli sport sulla neve, in generale, guardando alla storia, e dall’invenzione moderna dello Snurfer e da come lo sport è decollato commercialmente da lì.

La prima idea dello snowboard è stata molto probabilmente creata migliaia di anni fa da qualche antico rider che cercava di divertirsi un po’ o semplicemente di sperimentare modi diversi di muoversi su una slitta o sugli sci.

L’invenzione moderna di questo sport deriva dallo sviluppo dello Snurfer negli anni ’60 e dai vari modelli apparsi negli anni e nei decenni successivi.

Quindi l’idea dello snowboard è stata inventata molti anni fa, ma l’invenzione moderna esiste solo da circa 60 anni.

Poppen ha venduto la sua idea per la tavola alla Brunswick Corporation, che ha portato alla produzione di massa e a un enorme aumento della popolarità e della consapevolezza di un nuovo modo di cavalcare sulla neve.

Anche se lo Snurfer è stato il primo prodotto prodotto in serie che assomigliava agli snowboard come li conosciamo oggi, potresti anche sostenere che questo prodotto non era un vero snowboard.

Non avevano attacchi o bordi ed erano piuttosto difficili da controllare. Lo Snurfer era una slitta in piedi in questo senso e non era necessariamente l’unica tavola inventata che ha influenzato l’era moderna.

Tom Sims, il fondatore di Sims Snowboards, ha generalmente il merito di aver creato le prime tavole moderne che hanno fornito prestazioni e capacità migliorate sulla neve.

Sims ha costruito la sua prima tavola negli anni ’60 e ha fondato una delle prime aziende di snowboard legittime che ancora porta il suo nome negli anni ’70. Le tavole dei Sims sono state le prime a utilizzare più strati per fornire più forza, stabilità e scivolamento sulla neve.

Tom Sims (1950-2012) è stato un ex campione del mondo di snowboard (1983) e campione del mondo di skateboard (1975).

Cronologia delle date importanti della storia dello snowboard

Ecco una cronologia degli eventi e delle date più importanti nella storia dello snowboard:

  • 6000 aC – In Russia compaiono le prime testimonianze archeologiche di sci.
  • 1965 – Sherman Poppen lega insieme due sci per far stare in piedi le sue figlie nel cortile sul retro.
  • 1966 – Poppen vende la sua idea di Snurfer alla Brunswick Corporation, che la produce in massa e la commercializza al pubblico. Questo stabilisce efficacemente l’inizio dell’era moderna dello snowboard.
  • anni ’60 – Ad un certo punto negli anni ’60, Tom Sims costruisce il suo primo snowboard usando moquette, legno e alluminio in una classe di un negozio di un liceo.
  • 1968 – La prima competizione di Snurfing si svolge nel Michigan. Questo evento è stato organizzato da Sherman Poppen ed è stato un enorme successo.
  • 1976 – Tom Sims fonda Sims Snowboards e vende le prime tavole che assomigliano più da vicino ai modelli moderni.
  • 1977 – Burton Snowboards viene fondata da Jake Burton Carpenter. Questa è la prima azienda ad offrire attacchi per mantenere i piedi del rider meglio attaccati alla tavola, segnando un enorme balzo in avanti nelle prestazioni.
  • 1979 – Il primo National Snurfing Championship si è tenuto nel Michigan. Questa è stata la prima competizione ad offrire premi in denaro per i vincitori. È stata anche la prima volta che è stata usata una tavola che non fosse una Snurfer – Burton ha usato invece una tavola che ha costruito lui.
  • Primi anni ’80 – I cavalieri sovietici migliorano il design dello Snurfer includendo stili di attacco singolo e doppio per aumentare il controllo e le prestazioni.
  • 1981 – Una competizione di snowboard in Colorado chiamata King of the Mountain ha riunito molti dei primi costruttori di snowboard, permettendo loro di vedere i prodotti dell’altro in azione.
  • 1982 – La prima gara di snowboard nazionale USA si è svolta nel Vermont.
  • 1983 – Tom Sims organizza la prima gara di halfpipe del campionato mondiale di snowboard.
  • 1985 – La prima Coppa del Mondo di snowboard si svolge in Austria, attirando una maggiore attenzione in tutto il mondo lo sport.
  • 1990 – L’International Snowboarding Foundation è stata creata per aiutare a costruire credibilità nelle competizioni di questo sport. Ciò ha stabilito varie regole e standard che hanno contribuito a spianare la strada a future competizioni popolari.
  • anni ’90 – Le stazioni sciistiche iniziano a consentire agli snowboarder con alcune piste limitate all’inizio. Lo sport inizia a vedere un rapido aumento di popolarità. Anche molte innovazioni nel design avvengono durante questo decennio.
  • 1997 – Si sono tenuti i primi Winter X Games, con diversi eventi di snowboard. I giochi hanno attirato quasi 40.000 visitatori.
  • 1998 – Lo snowboard diventa un evento olimpico ufficiale per i Giochi invernali che si tengono a Nagano, in Giappone.
  • Primi anni 2000 – La popolarità dello snowboard continua a crescere, guadagnando attenzione in tutto il mondo e diventando una grande attrazione per persone di tutte le età. Lo snowboard è ora probabilmente lo sport invernale più popolare.
  • 2005-2006 – Lo snowboarder professionista Shaun White cementa la sua leggendaria reputazione vincendo tutte le principali competizioni durante la stagione. La sua performance invernale agli X-games di quell’anno vive nell’infamia. Questo porta ancora più attenzione allo sport.
  • anni 2010 – Lo snowboard si afferma pienamente come uno dei principali sport sulla neve e non è più visto come un movimento marginale. Le nuove tecnologie aumentano le capacità dello sport e dei suoi diversi atleti.
  • anni 2020 – Lo snowboard rimane estremamente popolare, con milioni di rider che scendono sulle piste ogni anno.

Quando è diventato popolare lo snowboard?

Lo snowboard ha goduto di un aumento di popolarità relativamente costante dalla mania dello Snurfing degli anni ’60. Questa prima versione di uno snowboard è stata un successo, con molte persone che vivono in luoghi che hanno visto una notevole quantità di neve nei mesi invernali.

Man mano che le schede diventavano prodotte in serie e più ampiamente disponibili, la loro popolarità continuava a crescere. Anche le prime competizioni tenute alla fine degli anni ’60 e all’inizio degli anni ’70 hanno contribuito a consolidare ulteriormente la popolarità di questo sport in crescita.

Secondo la Brunswick Corporation, che ha sviluppato lo Snurfer e li ha commercializzati alle masse, hanno venduto oltre un milione di queste schede nel decennio successivo alla loro prima uscita.

Questo fascino diffuso è continuato con tavole più sofisticate a metà degli anni ’70, quando i modelli Sims e Burton sono diventati disponibili e hanno aperto un mondo di nuove possibilità grazie all’aumento delle prestazioni e del controllo.

Mentre lo snowboard continuava a guadagnare terreno negli anni ’80 e nei primi anni ’90, seguì la popolarità di questo sport. Era ancora considerata un’attività marginale e un po’ una novità, ma negli anni ’90 le cose decollarono davvero.

La maggiore attenzione dei media e le legittime iniziative di marketing mettono lo snowboard sotto i riflettori del pubblico. Questa popolarità diffuse in tutte le estremità del globo e gettò le basi per lo sport che esiste ancora oggi.

L’apice dello snowboard è stato probabilmente tra la metà e la fine degli anni 2000. Questa era ha visto la maggior parte delle vendite di snowboard e ha portato l’industria a uno stato fiorente. Ovunque guardassi, vedevi qualcosa relativo allo snowboard e i rider professionisti sono diventati nomi familiari.

Non credo che ci sia stato un momento decisivo che ha segnato quando lo snowboard è diventato così popolare. È cresciuto in modo esponenziale alla fine del 20 ° secolo ed è diventato uno sport a tutti gli effetti popolare come qualsiasi altra attività invernale oggi.

Ciascuno dei punti elenco significativi sulla timeline mostrati nelle sezioni precedenti segna un’importante pietra miliare nella popolarità dello snowboard. Questi momenti hanno tutti contribuito al successo mondiale dello sport di cui gode oggi.

Quando lo snowboard è diventato uno sport olimpico?

Lo snowboard è diventato uno sport olimpico ufficiale ai Giochi Olimpici Invernali del 1998 a Nagano, in Giappone. Questo ha rappresentato il culmine di una spinta all’interno dello sport per ottenere l’attenzione principale e rifletteva l’ampio appeal con le persone di tutto il mondo.

Diverse grandi competizioni di snowboard tenute negli anni ’90 hanno contribuito a costruire la legittimità di questo sport e lo hanno guidato verso il riconoscimento olimpico.

Le Federazioni Internazionali di Sci, note anche come FIS, hanno riconosciuto lo snowboard come disciplina ufficiale nel 1994, aprendo la strada al prossimo passo verso le Olimpiadi.

I Giochi invernali del 1998 prevedono gare di snowboard sia maschili che femminili. Due eventi separati hanno fatto il taglio finale per le Olimpiadi: slalom gigante e halfpipe. Entrambi sono stati enormi successi e hanno aperto le porte a giochi futuri.

Alle successive Olimpiadi invernali del 2002 a Salt Lake City, nello Utah, le gare di halfpipe sono tornate insieme allo slalom gigante parallelo. Nel 2006, lo snowboard cross è stato aggiunto al mix, che è diventato immediatamente uno dei preferiti dai fan e dai rider.

Questi tre eventi sono stati le uniche competizioni di snowboard per le prossime Olimpiadi invernali fino a quando Slopestyle è apparso nel 2014. A questo è seguita la competizione Big Air nel 2018.

Lo snowboard rimane un evento olimpico molto popolare e penso che il successo dei Winter X-Games abbia aperto le porte al riconoscimento mondiale. Molti degli eventi olimpici derivano direttamente da questa competizione e non sarebbero stati possibili senza di essa.

Le Olimpiadi hanno anche contribuito ad aumentare la popolarità di questo sport raggiungendo una fascia demografica più ampia. Il debutto nel 1998 ha contribuito a spingere lo snowboard nell’occhio del mainstream e segna l’inizio del suo periodo di massimo splendore.

Snowboard e impatto ambientale

Lo snowboard è un modo fantastico per immergersi nella natura ed esplorare la magia della natura selvaggia invernale. Ha dato a molte persone diverse uno sguardo sull’importanza di prendersi cura dell’ambiente, ma comporta anche alcune preoccupazioni ambientali.

Ci sono diversi modi in cui lo snowboard può avere un effetto negativo sull’ambiente. Sebbene questi impatti non siano dannosi come altri settori, è comunque essenziale conoscerli e comprenderli per garantire che le generazioni future possano godersi la neve e le montagne.

Le stazioni sciistiche e di snowboard utilizzano le risorse naturali e si trovano in zone selvagge dove vivono e si riproducono animali e piante. Mentre molti di questi animali non sono in giro durante i mesi invernali, alcuni resort possono avere un impatto sui modelli e sulle abitudini naturali degli animali nativi.

Molti resort hanno una data di chiusura rigida per consentire agli animali di tornare nella foresta senza il disturbo da parte dell’uomo per compensare questo impatto. Se ti sei mai chiesto perché il tuo resort preferito chiude con la neve ancora per terra, probabilmente è questo il motivo.

Il processo di innevamento è un’altra preoccupazione ambientale con lo snowboard e lo sci. Fare la neve richiede molta acqua ed energia, due risorse preziose che non sempre si trovano in grandi quantità.

La maggior parte dei principali resort produce la propria neve in una certa misura e spesso utilizza l’acqua che esiste naturalmente per portare a termine il lavoro. Ciò può avere un impatto negativo sulla falda freatica e utilizzare un bene prezioso su cui la comunità locale e gli animali fanno affidamento per la sopravvivenza.

Le aree ad alta quota dove molte persone praticano lo snowboard sono anche più sensibili ai disturbi rispetto ad altri ambienti. La maggior parte dei corridori non pensa a questo quando è alla ricerca di polvere fresca, ma è una preoccupazione valida.

Man mano che gli effetti del cambiamento climatico diventano più evidenti, molte aree stanno vedendo una riduzione delle nevicate, portando più persone ad avventurarsi nel paese alto. Ciò può avere un impatto su piante e animali che prosperano in un ambiente di alta montagna.

Le aree ad alta quota richiedono anche più tempo per riprendersi rispetto alla flora e alla fauna a bassa quota. Un po’ di impatto umano può avere un effetto più drastico per questo motivo, e gli snowboarder devono stare attenti quando e dove vanno per evitare di danneggiare l’ambiente.

I materiali utilizzati nella costruzione dello snowboard rappresentano un’altra preoccupazione ambientale. Gli epossidici tradizionali e altri materiali utilizzati per costruire i pannelli spesso non sono così ottimi per l’ambiente e sono pieni di sostanze chimiche difficili da smaltire.

Molte aziende di snowboard ora utilizzano più prodotti a base vegetale ed ecologici nelle loro tavole per compensare questa preoccupazione. Questa tendenza è guidata dalla domanda dei consumatori e dalla responsabilità dell’azienda, ed è bello da vedere.

Il futuro dello snowboard

Lo snowboard ha fatto molta strada in poco tempo. Anche se gli esseri umani scivolano sulla neve in un modo o nell’altro da migliaia di anni, lo snowboard moderno esiste solo da circa 60 anni.

Guardando al passato, possiamo dare uno sguardo al futuro dello snowboard. La tecnologia continuerà a migliorare, rendendo gli snowboard più capaci ed efficaci in un’ampia gamma di condizioni.

Ciò consentirà a ciclisti e atleti di spingere i limiti della guida. Esploreranno linee che non sono mai state percorse prima mentre inventeranno nuovi trucchi che altri ciclisti imiteranno e miglioreranno.

Lo snowboard backcountry continuerà a crescere in popolarità nel prossimo futuro, poiché le persone si rendono conto che spesso può farlo raggiungere una neve incredibile senza la folla, anche se richiede molto più sforzo e maggiori considerazioni sulla sicurezza.

Man mano che i ciclisti si spostano in backcountry, l’attrezzatura da snowboard continuerà a diventare più leggera, concentrandosi sulle alte prestazioni. Ciò aiuterà lo sviluppo di nuove tecnologie e materiali che possono essere utilizzati anche per il resort.

Lo snowboard continuerà a crescere in popolarità e anche il numero totale di ciclisti aumenterà in futuro. Potrebbe non essere così popolare come lo era circa un decennio fa, ma il numero di motociclisti vedrà un aumento costante a causa di una popolazione in crescita.

Ai miei occhi, il futuro dello snowboard è luminoso. Ci sono più possibilità oggi che mai e quelle continueranno a crescere man mano che lo sport entra in una nuova era. È impossibile prevedere esattamente come andrà a finire tutto, ma sono entusiasta di vedere lo sport continuare a crescere.

Il futuro dello snowboard sarà definito dalla diversità dei rider che amano questo sport. Ha un appeal più ampio ed è più accessibile che mai. Più persone svolgono una determinata attività, più possibilità sorgono al suo interno.

Scivolare sulla neve è un’attività molto divertente e il tempo non cambierà questo. Anche se le nevicate diventano irregolari a causa dei cambiamenti climatici in futuro, sono possibili località al coperto con capacità di innevamento migliorato.

Lo snowboard è qui per restare e il suo futuro sarà scritto dalle storie di molti rider che non si sono ancora allacciati a una tavola per la prima volta.

Parole finali

Lo snowboard è uno degli sport invernali più popolari al mondo. Milioni di persone ogni stagione scendono sulle piste per godersi la neve fresca e immergersi nella natura facendo un’attività che amano davvero.

Per capire meglio dove andrà lo snowboard nel futuro, è necessario uno sguardo alla sua storia. Quando ti rendi conto di quanto lontano sia arrivato lo sport in un breve lasso di tempo, sai che sono possibili cose incredibili spingendo oltre il presente.

Non importa se sei un ciclista occasionale che si alza solo poche volte all’anno o un veterano esperto che trascorre il maggior numero possibile di giorni in montagna, lo snowboard è uno sport fantastico.

Condividi le tue conoscenze di guida con gli altri e aiuta la comunità degli sport sulla neve a continuare a scrivere e sviluppare una storia che vale la pena ricordare!

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *